2012 il punto di svolta per la musica digitale, da cui non tornare mai indietro


Secondo il BPI, che rappresenta l'industria discografica nel Regno Unito, il 2012 è stato un "punto di svolta" per la musica digitale con oltre la metà del reddito dell'anno precedente derivante dalle vendite digitali tramite servizi come Amazon e iTunes, o coinvolgendo i servizi di streaming come Spotify o YouTube .


Il rapporto BPI Digital Music Nation del 2013 mostra che oltre un quarto (27,7%) della popolazione del Regno Unito ha acquistato legalmente download o contenuti in streaming nel 2012.


Nello stesso anno, un consumatore su cinque (19,6%) ha preferito acquistare musica come download; dei 189 milioni di singoli acquistati nel 2012, il 99,6% di questi sono stati scaricati.


Lo studio rivela anche che i servizi di streaming musicale sono valutati molto bene per soddisfazione (93%) e consapevolezza (80%).

Quasi uno su cinque (19,6%) dei consumatori britannici ha abbandonato l'acquisto di versioni fisiche per sempre.



#Italiano

Recent Posts 
Archive
Search by tag
Non ci sono ancora tag.
Follow us
  • Instagram - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle

Copyright © SOUND IDENTITY / Corso Venezia n. 45 – 20121 Milano / Tel +39 02 89697474 / C.F./P.IVA 05293880968

  • Facebook Clean Grey
  • Instagram Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey