Esperti della Kingston University hanno provato che un computer può sostituire i compositori


Experts at Kingston University investigate if AI could replace human music composers - sound identity music blog

L'intelligenza artificiale (AI) potrebbe essere parte del futuro della creazione musicale?


Non possiamo credere che le macchine possano essere creative, ma cosa succederebbe se potessero scrivere nuova musica e questa si rivelasse essere anche piacevole?


Un team di ricercatori dell'Università di Kingston e della Queen Mary University di Londra ha insegnato ad un sistema di intelligenza artificiale ad analizzare e imparare da più di 23.000 canzoni popolari irlandesi.


A partire da quel database, le macchine sono state in grado di generare nuovi brani basandosi sui modelli e sulle strutture che hanno appreso.


Il dottor Oded Ben-Tal, docente senior della tecnologia musicale della Kingston University, ha dichiarato:

"Non ci aspettavamo che le melodie prodotte dalla macchina fossero molto buone - ma noi e molti altri musicisti con cui abbiamo lavorato siamo stati davvero sorpresi dalla qualità della musica che il sistema ha creato".


L'esperto della tecnologia musicale ha aggiunto,

"Per i principianti, un sistema come questo potrebbe essere di aiuto a iniziare ed evitare l'aspetto intimidatorio del comporre le proprie melodie in quanto è possibile lavorare interattivamente insieme, mentre, un compositore esperto potrebbe lavorare con il sistema per generare nuove idee usando i propri concetti musicali come punto di partenza ".


"Le persone sono riluttanti a credere che le macchine possano essere creative - è visto come un tratto propriamente umano. Tuttavia, il fatto è che la tecnologia e la creatività sono stati interconnessi per un lungo periodo e questo è solo un altro passo in quella direzione ".


Ma non abbiate paura che i computer sostituiranno i compositori umani:


"Una cosa che dobbiamo ricordare è che questo sistema non pensa alla musica nel modo in cui lo facciamo noi. È in grado di produrre risultati interessanti ma non ha alcuna comprensione del contesto ".


I risultati sono stati così impressionanti che lo studio, finanziato attraverso l’Arts & Humanities Research Council (AHRC) ed il French-based Cluster of Excellence Labex, culminerà a breve in un concerto a Londra.


Ascolta qui sotto la musica prodotta dall’AI.


#Italiano

Recent Posts 
Archive
Search by tag
Non ci sono ancora tag.
Follow us
  • Instagram - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle