Musica in streaming, la chiave del successo è condividere



J.D. Power, la società di ricerca, ha pubblicato un Satisfaction Study riguardo i servizi di musica in streaming (guarda qui).


Il risultato è che la soddisfazione dei clienti raggiunge livelli alti quando gli ascoltatori condividono playlist e seguono altri utenti.


Secondo lo studio, in generale, la soddisfazione del servizio a pagamento di musica in streaming è più alta tra i clienti-ascoltatori pienamente impegnati, che consumano contenuti altrui (ad esempio, seguono altri utenti e / o ascoltare i loro brani) e che affermano di condividere "sempre" o "a volte" le proprie playlist.


Kirk Parsons, senior director technology, media & telecom practice leader alla J.D. Power, ha dichiarato: "La chiave del successo, però, sta diventando sempre più quanto bene i brand di streaming di musica creano un ecosistema di musica valida che possa non solo supportare più tipi di dispositivi, ma anche facilitare la condivisione sociale tra ascoltatori e favorire la condivisione di playlist con gli altri".


I provider di musica in streaming inclusi nello studio sono:


Apple Music, in testa tra i fornitori di streaming di musica inclusi nello studio, con un indice di voto di 834 su una scala di 1.000 punti. Rhapsody (826), Pandora (825) e Spotify (824) sono risultati tutti al di sopra della media del settore, delimitata a 822 punti.


Dietro il punteggio medio ci sono TuneIn (820), Amazon Prime Music (818) e Google Play Music (818).


#Italiano

Recent Posts 
Archive
Search by tag
Non ci sono ancora tag.
Follow us
  • Instagram - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle

Copyright © SOUND IDENTITY / Corso Venezia n. 45 – 20121 Milano / Tel +39 02 89697474 / C.F./P.IVA 05293880968

  • Facebook Clean Grey
  • Instagram Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey